Archivi per la categoria: Politica

DON PAOLO FARINELLA – Appello a Papa Francesco: un concilio ecumenico sui migranti

Non passa giorno che lei, Papa Francesco, non richiami l’occidente «ipocrita» ad assumersi le proprie responsabilità storiche dei Migranti che vagano di muro in muro, di filo spinato in filo spinato per terminare la corsa nel mare Mediterraneo che i Romani con grande spirito satirico chiamavano «Nostrum».

di P. Farinella | blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it | 22 novembre 2016

 

I protestanti americani e il Papa

Positivo riscontro ecumenico al discorso di Francesco davanti al Congresso. Le comunità battiste hanno in particolare apprezzato la citazione di Martin Luther King (che era appunto pastore battista) ed hanno invitato i loro fedeli a prendere esempio dal Pontefice nell’apprezzare «anche al di fuori della loro chiesa dei modelli di santità per la vita cristiana»

di Giuseppe Brianza | vaticaninsider.lastampa.it | 27 settembre 2015

«Sarebbe folle bombardare la Siria»

Le immagini della nuova tragedia del Mar Egeo lo hanno profondamente commosso. Ma il patriarca latino di Gerusalemme, monsignor Fouad Twal, avverte: «Se l’Occidente non cambierà strategia, in Europa avrete presto milioni di profughi siriani. È una follia bombardare, così come è stato profondamente ingiusto causare 300mila morti solo per tentare di rovesciare un regime». Twal, che in questi giorni partecipa all’assemblea del Ccee, il Consiglio delle conferenze episcopali d’Europa (è stato lui stesso a invitare i presidenti degli episcopati in Terra Santa), è in prima linea e conosce bene la situazione: «Siamo una Chiesa del Calvario – afferma – dobbiamo far fronte a persecuzioni antiche e nuove (tra queste ultime le aggressioni del fondamentalismo ebraico, ndr). Ma restiamo qui a testimoniare Cristo risorto. E ringraziamo il Papa per il suo costante sostegno a tutti i cristiani perseguitati».

avvenire.it | 15 settembre 2015

Stati Uniti e Cuba, il diavolo e l’acqua santa

Sono le due mete del prossimo viaggio di Francesco, ai poli opposti della sua visione geopolitica. L’enigma dei silenzi del papa sull’assenza di libertà nel regime di Fidel e Raúl Castro 

di Sandro Magister | chiesa.espresso.repubblica.it | 11 settembre 2015

Da Perón a Bergoglio. Col popolo contro la globalizzazione

Le elezioni presidenziali in Argentina richiamano l’attenzione sulla visione politica di papa Francesco. Il suo entusiasmo per i “movimenti popolari”. L’utopia di una nuova Internazionale comunista e “papista” 

di Sandro Magister | chiesa.espresso.repubblica.it | 12 agosto 2015

L’Arabia Saudita tra il califfo nero e la “morsa” degli sciiti
In questi giorni l’attenzione dei geopolitici si concentra sulla penisola arabica, sul Golfo Persico. La morte del re Abdullah, in Arabia Saudita, è certo una circostanza degna di nota e di analisi se si pensa che la sua azione di governo inizia non nel 2005, quando viene formalmente incoronato sesto re saudita, bensì nel 1995 quando succede al predecessore Fahd, colpito da ictus, nel ruolo di reggente del Regno. Vent’anni in cui, nonostante all’esterno si predicasse il dialogo interreligioso, all’interno l’Arabia Saudita ha potenziato ai massimi la carica ultraconservatrice e radicale intrinseca nel wahabismo, corrente dominante a Riyadh.
di Souad Sbai,
ilsussidiario.net,
sabato 24 gennaio 2015

La scomparsa dei cattolici
Nella vita delle democrazie sono irrilevanti. Il filosofo Del Noce questo vuoto lo aveva previsto e pensato. Non era un reazionario, ma un liberal-cattolico
Giunti al termine del ventennio di transizione che ci separa dalla fine della Prima Repubblica, anche i cattolici sono al bivio. La scelta l’ha ben sintetizzata Dario Antiseri: “Restare inchiodati alla prospettiva funesta e senza futuro di una esangue intellighenzia che, rassegnata al peggio, si è arresa ai fatti oppure rimettersi con coraggio, progetti chiari e concreti e senso di responsabilità sulla strada dei ‘liberi e forti’”? (Corriere del 9 ottobre).
di Luca Del Pozzo,
ilfoglio.it,
04/01/15

Il senso della laicità di De Gasperi
Una riflessione nel cinquantennale della scomparsa dello statista trentino
“Adesso ho fatto tutto ciò ch’era in mio potere, la mia coscienza è in pace. Vedi, il Signore ti fa lavorare, ti permette di fare progetti, ti dà energia e vita. Poi, quando credi di essere necessario e indispensabile, ti toglie tutto improvvisamente. Ti fa capire che sei soltanto utile, ti dice: ora basta, puoi andare. E tu non vuoi, vorresti presentarti al di là col tuo compito ben finito e preciso. La nostra piccola mente umana non si rassegna a lasciare ad altri l’oggetto della propria passione incompiuto”. Sono queste le parole che Alcide De Gasperi rivolse alla figlia Maria Romana qualche giorno prima della morte, avvenuta nell’estate di sessant’anni fa, il 19 Agosto 1954 (citato in Indro Montanelli, I protagonisti, Rizzoli, Milano 1976, 136s). Parole umanissime e al tempo stesso alte, che rivelano la profondità dello spirito di questo grande costruttore dell’Italia rinata dalle macerie della guerra, padre dell’Europa futura, di cui avrebbe posto le basi con altri statisti del calibro di Robert Schuman e Konrad Adenauer. In quelle parole è possibile cogliere le caratteristiche che hanno reso De Gasperi così decisivo nella storia del nostro Paese e nell’incontro delle democrazie del Vecchio Continente: in primo luogo la sua passione politica, quindi la sua laicità, e infine la sua fede, profonda e intensamente vissuta.
Roma, 15 Settembre 2014 (Zenit.org) Bruno Forte

Moro, Paolo VI, le Br: troppe domande senza risposta
A partire da un’intervista di Gian Carlo Caselli, la testimonianza e l’analisi del giornalista-teologo
Questo scritto ha un motivo particolare, ma riguarda un problema generale: la memoria storica di noi uomini si logora, e questo porta a stravolgimenti anche dove meno te lo aspetti. Dunque aveva ragione il poeta greco: il tempo tutto divora, anche la nostra memoria, anche la memoria degli uomini migliori e più rispettabili.
Mi riferisco ad un argomento che potrebbe apparire estraneo a Vatican Insider, e invece non lo è del tutto, perché si riferisce alla tragedia Moro – chiamarlo “caso” mi pare qualcosa di minimizzante – che ha toccato direttamente sia nei fatti che nella opinione pubblica, e talora ancora tocca, la realtà della Santa Sede nella persona di Paolo VI.
di Gianni Gennari,
vaticaninsider.lastampa.it
13/09/14

11 febbraio
10 febbraio 2014
La ricorrenza della firma dei Patti Lateranensi fra la Santa Sede e l’Italia, l’11 febbraio 1929, si arricchisce quest’anno di una ulteriore celebrazione: la conclusione dell’Accordo di Villa Madama del 18 febbraio 1984, con il quale furono apportate modificazioni ad uno dei protocolli costituenti quei Patti: il Concordato.
anniversari,
osservatoreromano.va,
10/02/14

I vescovi europei: “L’aborto non è competenza Ue”
La Comece, in concomitanza con la discussione sulla salute, dichiara: “L’Ue dovrebbe non interferire con le decisioni che non rientrano nella sua sfera”
“Non farsi ingannare”: è con questa espressione che inizia la breve, ma tempestiva, nota dei vescovi accreditati presso l’Unione europea (Comece), a seguito della prima sessione di voto sul documento dal titolo “Salute e diritti umani e riproduttivi”, che include anche il ricorso all’interruzione della gravidanza.
di Maria Teresa Pontara Pederiva,
vaticaninsider.lastampa.it
22/10/13

Separati sempre Indifferenti mai
Chiesa e Stato
Vi è un principio di base comune nei diversi Paesi d’Europa: la fine della religione di Stato. Ma il futuro del Continente esige quella “sana laicità” che non ha paura della religione. In tal senso basta rivisitare l’articolo 17 del Trattato di Lisbona per rintracciare il fondamento di un “dialogo aperto, trasparente e regolare”
Erich Leitenberger – Sir Europa (Austria),
agensir.it,
08/10/13

Teologia e politica: il divorzio s’ha da fare
Intervista
Dall’elaborazione sulfurea di Carl Schmitt in poi, il problema delle radici teologiche del politico è stato e resta caldo. Non stupisce quindi che siano usciti in libreria quasi contemporaneamente due importanti saggi sull’argomento: Due. La macchina della teologia politica e il posto del pensiero (Einaudi) di Roberto Esposito e Critica della teologia politica – da Agostino a Peterson. La fine dell’era costantiniana (Marietti) di Massimo Borghesi. In particolare quella di Borghesi, ordinario di filosofia morale a Perugia, è una critica serrata da una prospettiva cattolica al lascito di Schmitt e non solo.
di Andrea Galli,

avvenire.it,
02/08/13

Chi è Francesco
Il cardinale Kasper, uno dei teologi più stimati dal Papa, spiega come cambia la chiesa venuta dalla fine del mondo: riforma della curia e sguardo universale
Più passa il tempo e più l’azione di Francesco incontra resistenze. Nei corridoi dei Sacri Palazzi si percepisce il mormorio contro questo Papa “fuori di testa”, assolutamente ingestibile e in continuo movimento. Forse perché le vecchie volpi della burocrazia vaticana hanno capito che Bergoglio invece che proclamare riforme o minacciare rivoluzioni sta semplicemente abbandonando a se stesse consuetudini e strutture anacronistiche. E che i suoi primi gesti non erano frutto di un’improvvisazione generosa e ingenua, quella dell’outsider che a sorpresa arriva in cima e fa qualche pazzia che tutti gli perdonano volentieri sapendo bene che non durerà, ma le prime tracce di un disegno organico e meditato. Tra gli alleati e consiglieri fidati su cui Bergoglio può contare c’è senza dubbio il cardinale tedesco Walter Kasper, teologo di valore che per anni ha guidato il dicastero vaticano per l’unità dei cristiani, tema al quale Bergoglio è molto sensibile. Gli abbiamo chiesto di aiutarci a capire quello che sta succedendo a un’istituzione vecchia di duemila anni ma capace ancora di regalare sorprese.
di Marco Burini,
ilfoglio.it,
21/07/13

“Una sana laicità è fondamentale sia per il cittadino sia per il cristiano”
L’omelia del Patriarca di Venezia, mons. Francesco Moraglia, per la Festa del Santissimo Redentore
Pubblichiamo di seguito l’omelia pronunciata questa sera dal Patriarca di Venezia, mons. Francesco Moraglia, nel tempio del Redentore alla Giudecca (Venezia) in occasione dell’annuale e sentitissima Festa veneziana.
Venezia, 21 Luglio 2013 (Zenit.org)

Egitto, le paure dei cristiani
Nella convulsa fase di transizione hanno pagato un prezzo in vite umane. E adesso temono che la Costituzione provvisoria li emargini ancora di più
Digiunano anche i copti in queste ore in Egitto. Come i musulmani entrati oggi nel mese di Ramadan, anche loro si astengono dal cibo: è il digiuno in preparazione alla festa del martirio dei santi Pietro e Paolo, che questa chiesa d’Oriente celebra il 12 luglio. Preghiere e gesti che si intrecciano tra moschee e chiese in un momento così delicato per il futuro del Paese.
di Giorgio Bernardelli,
vaticaninsider.lastampa.it
11/07/13

Cari amici dei siriani,
vedo la necessità di rispondere all’onda di critiche anche comprensibili e comunque ovviamente lecite che mi vengono rivolte a causa delle mie esplicite prese di posizione pubbliche. Siamo democratici oppure no? Nel mio libro La Rage et la Lumière (Atelier, Paris) ho risposto a molti di questi argomenti. Il libro sarà pubblicato dalla EMI in italiano in settembre, con il titolo Collera e Luce, un prete nella rivoluzione siriana
La sete di Ismaele di Paolo Dall’Oglio,
Gesuita del monastero di Deir Mar Musa (Siria),
popoli.info,
21/06/13

Cerchiamo un po’ di Tommaso Moro in ognuno di noi
Riflettendo sul discorso tenuto dal Santo Padre, Benedetto XVI, alla Westminster Hall il 17 settembre 2010, ho constatato la straordinaria attualità della vicenda di Tommaso Moro. La sua figura oggi rappresenterebbe di per sè un ossimoro, una contraddizione in termini: un Politico Santo. In questo momento, nel quale demagogia, populismo e sentimenti di antipolitica dominano il nostro Paese, accostare la figura di un politico alla santità è quanto di più distante possa esserci dall’opinione comune. E proprio per questo, riflettere sulla figura di Tommaso Moro è ancora più utile, in quanto è testimone della irrinunciabilità della libertà di coscienza ed insieme della responsabilità di un uomo di stato.
*Presentazione del volume “La carità politica”, a cura di S.E. Mons.Leuzzi
di Federica Chiavaroli,
loccidentale.it,
13/06/13

MelaBit

Apple programmazione tecnologia e morsi di vita vissuta

BABAJI

Just another WordPress.com site

LePassepartout

"Scientia est Potentia"

ME&MYBOOKS

Ilaria's blog

21 Grammi

...So many roads, so much at stake So many dead ends, I'm at the edge of the lake...

theArtShell

photo lover & art addicted

Le parole e le cose

Letteratura e realtà

Multifinder

Notizie dal mondo reale

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

SnackAdventure

La terza età vista dal basso

CIOCCOLATOELIBRI

Libri, interviste e altre cose senza senso

Arditi Sentieri

Vivi come se tu dovessi morire subito, pensa come se tu non dovessi morire mai.

Nel Mio Cuore

E' stolto il cuore che non capisce il suo sbaglio, in pianto cerca tra le stelle fiori appassiti. Rabindranath Tagore

alessandrapeluso

A great WordPress.com site

Sartago Loquendi

«Fritto misto» di parole, pensieri, poesie

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

la Ciarla

a cura di Giovanni Pistolato

The Eternal Sunshine of an Endless Mind

Esprimi il tuo pensiero in modo conciso perché sia letto, in modo chiaro perché sia capito, in modo pittoresco perché sia ricordato e, soprattutto, in modo esatto perché i lettori siano guidati dalla sua luce. (J. Pulitzer)

ASSOCIAZIONE FORENSE NAZIONALE A.M.B.

In difesa dell'Avvocatura medio-bassa

L'amore è la distanza di dieci giorni

Il blog di Tommaso Occhiogrosso

Rituali Marina Minet

Attraversandomi

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

SONNY: DIARIO GIGOLO'

SE CI STAI PENSANDO, HAI GIA' DECISO!

L'autore spocchioso

Chi non salta un lettore è, è.. chi non salta un editore è, è..

Autoscatto Televisivo

Recensioni televisive in autoscatto

Il tempo di un bidè

L'intelligenza è una categoria morale.

Associazione LiberoLibro

Associazione letteraria e culturale

Poiesis

And as imagination bodies forth The forms of things unknown, the poet’s pen Turns them to shapes and gives to airy nothing A local habitation and a name. – William Shakespeare (A Midsummer Night’s Dream)

YLENIA MOZZILLO

Friggo pensieri, mangio parole, brucio i ricordi peggiori.

Ivano Mingotti

Pagina ufficiale autore

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

(S)guardo sul Mondo

Diario di emozioni, fotografia e consigli di viaggio di una vagabonda in giro per il mondo. Si accettano offerte a forma di sorriso :-)

Beauty Break

La mia pausa di bellezza

Optical Art

Tributo al movimento artistico Optical Art che si ritrova in uno svariato numero di sottogeneri: Environmental, Installations, Sculpture e molti altri. https://www.facebook.com/opticalartillusion

In mezzo al mondo

but "don't look back in anger", I heard you say... at least not today. | http://www.inmezzoalmondo.wordpress.com

miminmoi

leggimi

Complotti

Festina lente

alexsupertrampdotorg.wordpress.com/

Un sito che parla in verde, che ama viaggiare. Un sito che ama il mondo e rispetta l'ambiente.

R2

Gli artisti sono soprattutto uomini che vogliono diventare inumani.