Archivi per la categoria: Arte

Il pastore e il pescatore

Nell’immaginario figurativo tardoantico confluiscono contesti e figure che avevano ambientato e animato una dimensione cosmica, che convocava, in un ordine e in un governo degli elementi, l’aria, la terra, l’acqua, nelle forme del firmamento costellato di astri e sovrinteso dalla luna e dal sole; degli ambienti campestri popolati di villici e pastori; di oceani, laghi e fiumi caratterizzati da animali nilotici, pesci di ogni tipo e pescatori.

di Fabrizio Bisconti | osservatoreromano.va | 25 settembre 2017

Annunci

Le chiese e i quartieri: quelle parrocchie fanno centro

Come cambiano gli edifici che circondano le chiese? Che cosa li distingue da altri luoghi sociali? Quale rapporto possono avere coi quartieri e le città? Un appello a progettare nuovi spazi

di Alessandro Beltrami | avvenire.it | sabato 23 settembre 2017

L’icona di Vladimir, la Vergine dei misteri

Nuove ipotesi riguardo la tavola che ha segnato la storia del popolo russo con prodigi inspiegabili, piegando anche il Tamerlano e Stalin

di Antonio Giuliano | avvenire.it | venerdì 25 agosto 2017

“La vera storia dell’eremita che ha ispirato Umberto Eco”

Due bolle luminose, come angeli custodi, vegliano sull’orizzonte di Torino e del Piemonte: la basilica di Superga a Est e la Sacra di San Michele a Ovest, all’imbocco della Valle di Susa. La Sacra, o Abbazia di San Michele (i termini non sono sinonimi, agli uomini di chiesa piace di più «sacra», agli studiosi «abbazia», secondo la tradizione benedettina), è simbolo della Regione Piemonte, monumento che rende i balzi del monte Pirchiriano quasi una montagna sacra, simbolica, un po’ come il monte Fuji di Hokusai o la montagna di Sainte-Victoire di Cézanne.

di Carlo Grande | vaticaninsider.lastampa.it | 13 agosto 2018

L’icona russa che rivela il mistero della Trinità

Tenuta in grande considerazione sia da parte dei cristiani d’Oriente che da quelli d’Occidente, questa icona è una delle più profonde rappresentazioni mai prodotte della Trinità

Di Philip Koslosk| aleteia.org | Giu 09, 2017

Il mantello che guarisce

Una vena aniconica (che non ammette immagini) attraversa i primi secoli del cristianesimo, forse per aderire all’atteggiamento antidolatrico, fissato in una legge celebre del Decalogo (Esodo 20, 4-5) che fa divieto di creare simulacri sacri, e che conobbe uno sviluppo esegetico nel Deuteronomio (4, 14-19).

di Redazione | osservatore romano.va | 10 dicembre 2016 |

Neve d’agosto

La nascita della basilica romana di Santa Maria Maggiore

Sul punto più alto del Cispius, sul versante settentrionale dell’Esquilino, in un quadrante urbano attraversato dal vicus suburbanus, odierna via in Selci, e dal vicus patricius, attuale via Urbana, nel corso del iv secolo e, segnatamente, nel 358, secondo la tradizione, nel cuore della notte tra il 4 e il 5 agosto, Papa Liberio (352-366) fece costruire una basilica laddove era caduta miracolosamente la neve, secondo un sogno premonitore, che aveva come protagonista la Vergine, apparsa simultaneamente al Pontefice e al ricco senatore Giovanni.

di Fabrizio Bisconti | osservatoreromano.va | 4 agosto 2016

Chi era veramente Maria Maddalena?

Per volere di papa Francesco il 22 luglio, per la prima volta, si celebra la festa di santa Maria Maddalena, che sino a oggi era memoria obbligatoria. La storia di questa donna nelle parole dei Vangeli e nei commenti di Gianfranco Ravasi, Carlo Maria Martini, Cristiana Dobner e Timothy Verdon

di Cristina Uguccioni | vaticaninsider.lastampa.it | 20 luglio 2016

Il giocoliere di Maria

Una leggenda medievale francese di autore ignoto, composta tra la fine del XII e la seconda metà del XIII secolo, ci ha tramandato la storia di un giovane giocoliere di nome Barnaba che, girando di fiera in fiera, divenne famoso per le sue prodezze in tutta la Piccardia, da Soissons a Beauvais. Nonostante la sua bravura, Barnaba conduceva una vita di stenti e soprattutto in inverno soffriva spesso per il freddo e la fame. Affrontava allora questi malanni con pazienza e comportandosi in maniera retta e onesta: era infatti timoroso di Dio e assai devoto alla vergine Maria.

osservatoreromano.va | 14 luglio 2016

Nuove chiese. Lo stile è condivisione

C’era un tempo in cui si sapeva com’erano fatte le chiese: si riconoscevano a prima vista. Ma oggi come si distinguono nel-l’affastellarsi delle molteplici suggestioni architettoniche? L’argomento, già dibattutissimo, viene ripreso nel convegno “Viste da fuori” che si svolgerà al monastero di Bose dal 2 al 4 giugno, organizzato in collaborazione con la Conferenza Episcopale Italiana (Ufficio beni culturali), col Consiglio Nazionale Architetti e con la partecipazione di esperti da diversi Paesi.

di Leonardo Servadio | avvenire.it | 29 maggio 2016

San Sisto Perugia (PG): i dipinti nella Chiesa Santa Famiglia di Nazareth

Un primo ciclo è disposto attorno al fonte battesimale e propone, la scena del Battesimo di Gesù con gli episodi dei vangeli delle Domeniche di Quaresima Anno A che rappresentano il cammino che portava al Battesimo: Tentazioni, Trasfigurazione, Samaritana al pozzo, Guarigione del cieco nato, Risurrezione di Lazzaro. Al centro il Battesimo di Gesù. Un secondo ciclo è disposto nella Cappella del Santissimo e raffigura: Emmaus, Discesa agli inferi, Incredulità di Tommaso, Noli me tangere, Cristo risorto.

Scritto da Giuliano il 23 dicembre 2015 | icone cristiane.it

La “Compagnia di San Giovanni Damasceno” compie un anno

Nicola Rosetti racconta i primi 12 mesi del gruppo Facebook che raggruppa oltre trecento appassionati di arte sacra

La Compagnia di San Giovanni Damasceno, il gruppo facebook che raggruppa oltre trecento appassionati di arte sacra, compie un anno! È stata “fondata” infatti il 4 dicembre (giorno nel quale la Chiesa fa memoria di San Giovanni Damasceno) dello scorso anno dal nostro redattore Nicola Rosetti che abbiamo intervistato.

Redazione |  05 Dic |  ZENIT.org |

Chagall non c’entra

Il fatto che al Papa piaccia particolarmente la Crocifissione bianca di Marc Chagall è inifluente. La decisione di una scuola fiorentina di cancellare la visita dei ragazzi delle medie alla mostra intitolata «Bellezza divina» per «venire incontro alla sensibilità delle famiglie non cattoliche» sarebbe stata discutibile anche se fossero state esposte opere di Teomondo Scrofalo, l’immaginario pittore kitsch su cui era incentrato un fortunato sketch comico degli anni Ottanta. Lo scrive Marcello Filotei aggiunendo che invece in mostra a Firenze, oltre al celebre dipinto ispirato alla persecuzione degli ebrei nell’Europa centrale e orientale, c’erano opere di Fontana, Picasso, Matisse e Van Gogh. Capolavori inseriti in un filone artistico che ha segnato e segna il pensiero culturale di un’intera civiltà.

osservatoreromano.va | 13 novembre 2016

Fantuzzi: Pasolini, regista del sacro

Qualche mese fa, in primavera, lo hanno invitato a un dibattito su Salò o le 120 giornate di Sodoma, il film terribile e violentissimo che Pier Paolo Pasolini sembra lasciare come testamento alla sua morte, il 2 novembre del 1975.

Intervista di Alessandro Zaccuri a padre Virgilio Fantozzi | avvenire.it | 29 ottobre 2015

Moore e le rocce della creazione

​​Uno dei saggi più illuminanti che abbia letto sull’opera di Henry Moore è quello che Herbert Read scrisse negli anni Sessanta per accompagnare un volumetto dedicato al tema della “Madre con bambino” nell’opera dello scultore inglese. Read, appoggiandosi ad alcune considerazioni di Carl Gustav Jung, metteva in guardia dall’abitudine a cercare il significato dell’arte nelle parole dell’artista: l’artista è indipendente dalla sua opera, «dandole forma, l’artista ha fatto il massimo che poteva, e deve lasciarne l’interpretazione agli altri e al futuro». Read ricordava – e questo è forse la fonte più segreta dell’intera opera di Moore – «il misterioso pathos che si lega alla vitalità dell’inorganico». In realtà, il discorso di Read tendeva a mettere in luce come in Moore il tema dell’archetipo (in senso junghiano) trovasse compiuta espressione nella scultura Madonna col Bambino eseguita in bronzo per la chiesa di San Matteo a Northampton.

di Maurizio Cecchetti | avvenire.it | 2 ottobre 2015

La corale più antica

«Spesso serpeggia la convinzione che la Chiesa cattolica, con la riforma della liturgia voluta dal concilio Vaticano ii, abbia rinunciato al suo grande patrimonio musicale» scrive, senza mezzi termini, Massimo Palombella nella presentazione del cd Cantate Domino. La Cappella Sistina e la musica dei Papi, registrato dalla Cappella musicale pontificia sotto la volta della Cappella Sistina edito da Deutsche Grammophon, in commercio dal 25 settembre.

osservatoreromano.va | 23 settembre 2015

Come una conchiglia

Domenica 20 settembre una cattedrale si è aggiunta al grande patrimonio delle cattedrali europee. È la cattedrale della diocesi di Creteil, fondata nel 1966, che risponde alla esigenza molto sentita dai cittadini di vedere della nuova diocesi un centro pienamente visibile.

di Paolo Portoghesi | osservatoreromano.va | 22 settembre 2015

“Scoperta la serie di Fibonacci sulla facciata di una chiesa a Pisa”

Sulla lunetta di San Nicola, lo studio del professor Pietro Armienti rivela un messaggio ignorato per oltre 800 anni

di GIOVANNI GAGLIARDI e LAURA MONTANARI | firenze.repubblica.it | 18 settembre 2015

​L’invenzione della pittura europea

Giotto dona alla storia sacra fisicità ed emotività sconosciute. Così la teologia si rispecchia nella vita

Nell’iscrizione sotto il ritratto di Giotto nel Duomo di Firenze dichiara di essere colui che ha ridato vita alla pittura morta dei Greci – parole, queste, formulate non dal maestro nato intorno al 1266 ma da un umanista quattrocentesco, probabilmente Angelo Poliziano, per volontà di Lorenzo de’ Medici detto il Magnifico.

di Timothy Verdon | avvenire.it | 6 settembre 2015

Un Angelico che ha dimenticato il cielo
Nella primavera del 1848 il comune di Montefalco donava a Pio IX la pala dell’Assunta, proveniente dalla chiesa francescana di San Fortunato, capolavoro di Benozzo Gozzoli, all’epoca attribuita al Beato Angelico. Il dono voleva esprimere la gratitudine della comunità al Pontefice che, il 9 maggio, aveva concesso a Montefalco il titolo e il rango di città. Da allora la pala dell’Assunta sta nella Pinacoteca Vaticana ammirata come l’opera meglio rappresentativa di Benozzo Gozzoli negli anni della massima adesione allo stile del suo maestro fra Giovanni da Fiesole, meglio noto come il Beato Angelico.

di Antonio Paolucci | osservatoreromano.va | 15 luglio 2015

MelaBit

Apple programmazione tecnologia e morsi di vita vissuta

BABAJI

Just another WordPress.com site

LePassepartout

"Scientia est Potentia"

ME&MYBOOKS

Ilaria's blog

21 Grammi

...So many roads, so much at stake So many dead ends, I'm at the edge of the lake...

theArtShell

photo lover & art addicted

Le parole e le cose

Letteratura e realtà

Multifinder

Notizie dal mondo reale

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

SnackAdventure

La terza età vista dal basso

CIOCCOLATOELIBRI

Libri, interviste e altre cose senza senso

Arditi Sentieri

Vivi come se tu dovessi morire subito, pensa come se tu non dovessi morire mai.

Nel Mio Cuore

E' stolto il cuore che non capisce il suo sbaglio, in pianto cerca tra le stelle fiori appassiti. Rabindranath Tagore

alessandrapeluso

A great WordPress.com site

Sartago Loquendi

«Fritto misto» di parole, pensieri, poesie

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

la Ciarla

a cura di Giovanni Pistolato

The Eternal Sunshine of an Endless Mind

Esprimi il tuo pensiero in modo conciso perché sia letto, in modo chiaro perché sia capito, in modo pittoresco perché sia ricordato e, soprattutto, in modo esatto perché i lettori siano guidati dalla sua luce. (J. Pulitzer)

ASSOCIAZIONE FORENSE NAZIONALE A.M.B.

In difesa dell'Avvocatura medio-bassa

L'amore è la distanza di dieci giorni

Il blog di Tommaso Occhiogrosso

Rituali Marina Minet

Attraversandomi

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

SONNY: DIARIO GIGOLO'

SE CI STAI PENSANDO, HAI GIA' DECISO!

L'autore spocchioso

Chi non salta un lettore è, è.. chi non salta un editore è, è..

Autoscatto Televisivo

Recensioni televisive in autoscatto

Il tempo di un bidè

L'intelligenza è una categoria morale.

Associazione LiberoLibro

Associazione letteraria e culturale

Poiesis

And as imagination bodies forth The forms of things unknown, the poet’s pen Turns them to shapes and gives to airy nothing A local habitation and a name. – William Shakespeare (A Midsummer Night’s Dream)

YLENIA MOZZILLO

Friggo pensieri, mangio parole, brucio i ricordi peggiori.

Ivano Mingotti

Pagina ufficiale autore

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

(S)guardo sul Mondo

Diario di emozioni, fotografia e consigli di viaggio di una vagabonda in giro per il mondo. Si accettano offerte a forma di sorriso :-)

Beauty Break

La mia pausa di bellezza

Optical Art

Tributo al movimento artistico Optical Art che si ritrova in uno svariato numero di sottogeneri: Environmental, Installations, Sculpture e molti altri. https://www.facebook.com/opticalartillusion

In mezzo al mondo

but "don't look back in anger", I heard you say... at least not today. | http://www.inmezzoalmondo.wordpress.com

miminmoi

leggimi

Complotti

Festina lente

alexsupertrampdotorg.wordpress.com/

Un sito che parla in verde, che ama viaggiare. Un sito che ama il mondo e rispetta l'ambiente.

R2

Gli artisti sono soprattutto uomini che vogliono diventare inumani.