Per i cristiani siriani la salvezza è il ritorno nelle catacombe

S’intitola «Perseguitati» e l’argomento principale che tratta sono i cristiani che vengono uccisi o maltrattati a motivo della loro fede. Ma nel nuovo libro di Nello Scavo, giornalista di «Avvenire», inviato di guerra abituato a lavorare sul campo, i protagonisti non sono soltanto loro, ma anche gli appartenenti ad altre fedi minoritarie in varie parti del mondo. Il libro (Piemme, pag. 300, 18,50 euro) è frutto di un’inchiesta durata tre anni. È denso di numeri, documenti top secret ma soprattutto di reportage, volti, esperienze raccontate in presa diretta. Dalle storie dei profughi che cercano di entrare in Europa alle vittime delle multinazionali in Cambogia, dai martiri ambientalisti uccisi in Africa ai tanti religiosi uccisi in America Latina. Organizzazioni non governative denunciano un crescente disprezzo per la libertà religiosa in 116 Paesi (cioè il 60% dei 196 Stati aderenti all’Onu). Circa il 75% delle violenze contro una minoranza religiosa, si legge nel libro, riguarda i cristiani. Pubblichiamo stralci del capitolo dedicato ai cristiani della Siria rifugiatisi negli antichi cunicoli funerari: le catacombe del terzo millennio. 

di Andrea Tornielli | vaticaninsider.lastampa.it | 13 febbraio 2017

Annunci