Il secondo diluvio
Per la prima volta in duemila anni niente messa a Ninive. Così l’islam spazza via le cinque religioni più antiche del mondo
Era il 1929 quando l’archeologo inglese Leonard Woolley fece una scoperta sensazionale: il Diluvio universale descritto nella Bibbia era stato in realtà una catastrofe di civiltà che aveva sconvolto l’attuale Iraq. Sir Woolley aveva ordinato a un operaio arabo di scavare una fossa per verificare gli strati archeologici della biblica Ur dei Caldei, la patria di Abramo. Trovarono mattoni rotti e altri elementi che indicavano un antico insediamento umano. Alla profondità di un metro, l’operaio arrivò a quella che gli archeologi definiscono “argilla vergine”, ovvero lo strato da cui si desume che oltre non c’è più nulla di interessante e i segni della vita finiscono lì. Almeno in teoria
di Giulio Meotti | ilfoglio | 05 Ottobre 2014

Annunci