Arabia Saudita: arrestati 27 indiani cattolici perché pregavano dentro casa
L’operazione condotta dalla polizia “religiosa” saudita. La legge nel paese vieta di praticare religioni non musulmane sul proprio territorio

Roma, 09 Settembre 2014 (Zenit.org) Naman Tarcha

Una operazione complessa, che dopo lunghi controlli, pedinamenti, intercettazioni, è stata portata a termine con successo, ovvero arrestare 27 persone, uomini e donne, tutti di nazionalità indiana. L’accusa? Una sola: pregare dentro propria casa.

Annunci