L’”Adorazione” di Giorgione: la forza di un Bimbo cambia tutto
Nei primi anni del Cinquecento, Giorgione ha dipinto una piccola Adorazione dei pastori (cm. 136 x 91), probabilmente destinata a un facoltoso committente veneziano, che la voleva tenere come prezioso oggetto di devozione privata. Conservata oggi alla National Gallery di Washington, la tavola ci cattura immediatamente per lo straordinario senso di simpatia tra il creato, disteso sotto le prime luci aurorali, e il fatto più importante della storia dell’umanità: la nascita di Gesù. Tutto appare straordinariamente naturale e provvidenziale.
di Alessandro Rovetta,
ilsussidiario.net,
24/12/12

Annunci