Archivi per il mese di: novembre, 2013

Messaggio che Isaìa, figlio di Amoz, ricevette in visione su Giuda e su Gerusalemme.
Alla fine dei giorni,
il monte del tempio del Signore
sarà saldo sulla cima dei monti
e s’innalzerà sopra i colli,
e ad esso affluiranno tutte le genti.
Verranno molti popoli e diranno:
«Venite, saliamo sul monte del Signore,
al tempio del Dio di Giacobbe,
perché ci insegni le sue vie
e possiamo camminare per i suoi sentieri».
Poiché da Sion uscirà la legge
e da Gerusalemme la parola del Signore.
Egli sarà giudice fra le genti
e arbitro fra molti popoli.
Spezzeranno le loro spade e ne faranno aratri,
delle loro lance faranno falci;
una nazione non alzerà più la spada
contro un’altra nazione,
non impareranno più l’arte della guerra.
Casa di Giacobbe, venite,
camminiamo nella luce del Signore (Is 2,1 – 5).
.

30 novembre

Sant’ Andrea Apostolo
Bethsaida di Galilea – Patrasso (Grecia), ca. 60 dopo Cristo

All’apostolo Andrea spetta il titolo di ‘Primo chiamato’. Ed è commovente il fatto che, nel Vangelo, sia perfino annotata l’ora («le quattro del pomeriggio») del suo primo incontro e primo appuntamento con Gesù. Fu poi Andrea a comunicare al fratello Pietro la scoperta del Messia e a condurlo in fretta da Lui. La sua presenza è sottolineata in modo particolare nell’episodio della moltiplicazione dei pani. Sappiamo inoltre che, proprio ad Andrea, si rivolsero dei greci che volevano conoscere Gesù, ed egli li condusse al Divino Maestro. Su di lui non abbiamo altre notizie certe, anche se, nei secoli successivi, vennero divulgati degli Atti che lo riguardano, ma che hanno scarsa attendibilità. Secondo gli antichi scrittori cristiani, l’apostolo Andrea avrebbe evangelizzato l’Asia minore e le regioni lungo il mar Nero, giungendo fino al Volga. È perciò onorato come patrono in Romania, Ucraina e Russia. Commovente è la ‘passione’ – anch’essa tardiva – che racconta la morte dell’apostolo, che sarebbe avvenuta a Patrasso, in Acaia: condannato al supplizio della croce, egli stesso avrebbe chiesto d’essere appeso a una croce particolare fatta ad X (croce che da allora porta il suo nome) e che evoca, nella sua stessa forma, l’iniziale greca del nome di Cristo. La Legenda aurea riferisce che Andrea andò incontro alla sua croce con questa splendida invocazione sulle labbra: «Salve Croce, santificata dal corpo di Gesù e impreziosita dalle gemme del suo sangue… Vengo a te pieno di sicurezza e di gioia, affinché tu riceva il discepolo di Colui che su di te è morto. Croce buona, a lungo desiderata, che le membra del Signore hanno rivestito di tanta bellezza! Da sempre io ti ho amata e ho desiderato di abbracciarti… Accoglimi e portami dal mio Maestro».

“La fede, l’amore e la speranza camminano nella notte: esse credono l’incredibile, amano ciò che si sottrae e li abbandona, sperano contro ogni speranza.”
Hans Urs Von Balthasar (1905 – 1988)

Capolavori di canto gregoriano / Una novità in sei puntate
Gli introiti delle domeniche di Avvento, del Natale e dell’Epifania offerti all’ascolto su http://www.chiesa in una nuovissima esecuzione di un coro tra i più qualificati al mondo
di Sandro Magister,
chiesa.espressonline.it,
29/11/13

La fede non è mai un fatto privato
Messa a Santa Marta
Il divieto di adorare Dio è il segno di una «apostasia generale», è la grande tentazione che prova a convincere i cristiani a prendere «una strada più ragionevole, più tranquilla», obbedendo «agli ordini dei poteri mondani» che pretendono di ridurre «la religione a una cosa privata». E soprattutto non vogliono che Dio sia adorato «con fiducia e fedeltà». È proprio da questa tentazione che Papa Francesco ha messo in guardia nella messa celebrata, giovedì 28 novembre, nella cappella di Santa Marta.
osservatoreromano.va,
29/11/13

Quel cocciuto di Goethe
Il nichilismo quasi infantile di molte élites postmoderne
«La vita è troppo breve perché si beva vino cattivo», amava dire Johann Wolfgang von Goethe. Curioso adagio, in cui si rispecchia la concezione del mondo epicurea e il nichilismo quasi infantile per la sua cocciutaggine, proprio di molte attuali élites postmoderne.
di Gerhard Ludwig Müller,
osservatoreromano.va,
28/11/13

Oltre le frontiere, verso il post-umano
Le nuove tecnologie del genoma aprono a prospettive esaltanti e pericolose. L’intervento del cardinale Ravasi domani al «Cortile dei gentili» di Berlino.
Uno dei poeti di Israele, il Salmista, si era fermato stupito davanti al mistero dell’essere umano e aveva esclamato: «Tu, o Dio, hai fatto l’uomo di poco inferiore a un dio, di gloria e di onore lo hai coronato» (Salmo 8,6). In forma meno lirica e religiosa, ma con la stessa ammirazione, uno dei sette sapienti dell’antichità greca, Democrito di Aldera, contemporaneo di Socrate, aveva coniato questa definizione: ánthropos mikròs kósmos, «l’uomo è un piccolo universo» (frammento 34).
di Gianfranco Ravasi,
avvenire.it,
26/11/13

“Oltre tre milioni e mezzo di bambini inglesi non hanno da mangiare”
La denuncia delle charities cattoliche che hanno incontrato i parlamentari per sensibilizzarli. Il vescovo ausiliare di Westminster John Arnold: “I nostri alunni arrivano in divise immacolate… Incapaci di concentrarsi, nervosi, arrabbiati, hanno bisogno di mettere qualcosa sotto i denti se vogliamo che guardino la lavagna interattiva nella quale lo Stato inglese ha investito centinaia di sterline”
di Silvia Guzzetti,
agensir.it
27/11/13

La gioia del Vangelo
Ciò che ho espresso in questo documento ha un significato programmatico e conseguenze importanti
Pubblicata l’esortazione apostolica di Papa Francesco che vuole indicare il cammino della Chiesa nei prossimi anni
Papa Francesco ha «un sogno». Quello di una Chiesa incamminata senza indugio sulla strada della «conversione pastorale e missionaria»: un atteggiamento personale e comunitario «capace di trasformare» nel profondo consuetudini, stili, linguaggio, strutture, orientandoli verso l’evangelizzazione piuttosto che verso «l’autopreservazione».
Il testo integrale dell’esortazione apostolica
osservatoreromano.va,
27/11/13

Umanità a che pro
Salvare la Terra e i bambini
Sono molti i modi possibili per ri­flettere sull’articolo scritto dal no­to politologo Giovanni Sartori e pub­blicato ieri come fondo in prima pa­gina dal Corriere della Sera. Il tema degli «eccessi che la terra non sop­porta » e di «Una modernità fuori mi­sura », come recita il titolo, è un ar­gomento molto serio. Come sono questioni fondamentali le sfide po­ste – citiamo – da una crescita sen­za limiti, da uno sviluppo senza li­miti e persino da una popolazione senza limiti.
di Massimo Calvi,
avvenire.it,
24/11/13

Solo la fede vede oltre
La regalità schernita di Cristo
La regalità di Gesù ora non è evidente: può essere solo creduta. Si fatica a trovare gli indizi indubbi della signoria di Gesù di Nazaret. La storia, più che rivelare, nasconde che Gesù sia il re dell’universo. La ragione sta nel fatto che le prerogative di questa regalità sono singolari e tali da confondere la nostra concezione ed esperienza della regalità stessa. Intanto a essere strana è l’origine della signoria di Gesù, che è il suo sacrifico sulla croce.
di Inos Biffi,
osservatoreromano.va,
24/11/13

Ecco come vengono perseguitati i cristiani in Pakistan
Solo negli ultimi due mesi sono stati avviati in Pakistan tre processi in base alla legge contro la blasfemia, che si aggiungono ad altri numerosi casi, tra cui forse il più noto è quello di Asia Bibi, tuttora in carcere dal giugno del 2009, e i cui due principali sostenitori, Shahbaz Bhatti, ministro per le minoranze e Salmaan Taseer, governatore del Punjab, sono stati entrambi assassinati.
int. Xavier Patras William,
ilsussidiario.net,
23/11/13

Fratelli, ringraziate con gioia il Padre che vi ha resi capaci di partecipare alla sorte dei santi nella luce.
È lui che ci ha liberati dal potere delle tenebre
e ci ha trasferiti nel regno del Figlio del suo amore,
per mezzo del quale abbiamo la redenzione,
il perdono dei peccati.
Egli è immagine del Dio invisibile,
primogenito di tutta la creazione,
perché in lui furono create tutte le cose
nei cieli e sulla terra,
quelle visibili e quelle invisibili:
Troni, Dominazioni,
Principati e Potenze.
Tutte le cose sono state create
per mezzo di lui e in vista di lui.
Egli è prima di tutte le cose
e tutte in lui sussistono.
Egli è anche il capo del corpo, della Chiesa.
Egli è principio,
primogenito di quelli che risorgono dai morti,
perché sia lui ad avere il primato su tutte le cose.
È piaciuto infatti a Dio
che abiti in lui tutta la pienezza
e che per mezzo di lui e in vista di lui
siano riconciliate tutte le cose,
avendo pacificato con il sangue della sua croce
sia le cose che stanno sulla terra,
sia quelle che stanno nei cieli (Col 1, 12 – 20).

Scuola: impedita la visita mostra su Rolando Rivi
C’è una mostra che, dopo l’inaugurazione al Meeting per l’amicizia fra i popoli, sta girando in più esemplari l’Italia e che ha già registrato diverse migliaia di visitatori. L’ultima tappa è stata la cattedrale di Ferrara. Il segreto del successo è nella sua immediatezza, perché racconta l’esistenza, la testimonianza di fede e il martirio del seminarista Rolando Rivi, beatificato a Modena il 5 ottobre. Sono venti pannelli dal forte impatto visivo, in cui le illustrazioni di Franco Vignazia si alternano alle vicende e ai documenti che hanno segnato una pagina di storia buia e luminosa insieme. Nel titolo “Io sono di Gesù” è sintetizzato il programma di vita di questo nuovo Beato, nato e sepolto a San Valentino di Castellarano (Reggio Emilia), che amava la veste talare e sognava di diventare un prete missionario ma fu sequestrato, torturato e infine ucciso in odio alla fede il 13 aprile 1945 da alcuni partigiani comunisti accecati dal furore antireligioso, senza l’ombra di un processo e sulla base di un’accusa smaccatamente falsa.
di Edoardo Tincani,
avvenire.it,
22/11/13

22 novembre

Santa Cecilia Vergine e martire
sec. II – III

Al momento della revisione del calendario dei santi tra i titolari delle basiliche romane solo la memoria di santa Cecilia è rimasta alla data tradizionale. Degli altri molti sono stati soppressi perché mancavano dati o anche indizi storici riguardo il loro culto. Anche riguardo a Cecilia, venerata come martire e onorata come patrona dei musicisti, è difficile reperire dati storici completi ma a sostenerne l’importanza è la certezza storica dell’antichità del suo culto. Due i fatti accertati: il «titolo» basilicale di Cecilia è antichissimo, sicuramente anteriore all’anno 313, cioè all’età di Costantino; la festa della santa veniva già celebrata, nella sua basilica di Trastevere, nell’anno 545. Sembra inoltre che Cecilia venne sepolta nelle Catacombe di San Callisto, in un posto d’onore, accanto alla cosiddetta «Cripta dei Papi», trasferita poi da Pasquale I nella cripta della basilica trasteverina. La famosa «Passio», un testo più letterario che storico, attribuisce a Cecilia una serie di drammatiche avventure, terminate con le più crudeli torture e conclusesi con il taglio della testa.

Il fattore «R»: analfabeti religiosi?
Lo chiamano fattore «R», dove la sedicesima lettera dell’alfabeto sta per «religioso». E nella Penisola è sempre più un grande sconosciuto. Meno di un italiano su tre riesce a citare correttamente tutti e quattro gli evangelisti (Matteo, Marco, Luca e Giovanni).
Neppure uno su quattro sa indicare le tre virtù teologali (fede, speranza e carità). Figurarsi quando c’è da addentrarsi fra le pieghe della Scrittura. Domandare chi ha dettato i dieci Comandamenti significa vedersi citare in otto casi su dieci un nome impossibile. E poi sentirsi dire che la «mano» è stata quella di Mosè (22%) o di Gesù (9%), finché non si arriva alla risposta giusta: Dio (indicato dal 49%).
di Giacomo Gambassi,
avvenire.it,
21/11/13

Regno Unito: ci saranno i cristiani fra vent’anni?
Se lo chiede provocatoriamente l’autorevole rivista “The Tablet” che dedica uno speciale alla attuale situazione della chiesa nel paese
La rivista cattolica britannica, ha dedicato un’attenzione particolare a identificare il profilo dei cattolici, vecchi e giovani, del Regno Unito. E il risultato è molto interessante. Infatti, se il credente medio sopra i 60 anni si adatta a un modello molto vicino a quello dalla Chiesa, mentre sotto i 50 anni di età, e in particolare nelle fasce più giovani i modelli di appartenenza e comportamento sono molto diversi. E in generale si può dire che l’obbedienza alla dottrina e la pratica diminuiscono; ma più che di un abbandono totale, sembra che siamo di fronte al tentativo di essere cattolici in maniera personale.
di Marco Tosatti,
vaticaninsider.lastampa.it,
19/11/13

La Bibbia è violenta? No, siamo noi buonisti
Nelle sante Scritture ci sono parole dure, espressioni che ai nostri orecchi suonano sgradevoli, testimonianze su sentimenti dei credenti ma anche di Dio che ci urtano e qualche volta forse ci scandalizzano. Le Scritture non allettano, raramente seducono, anzi spesso contestano le nostre certezze religiose fino a contraddirle. È vero, numerosi sono i passi delle Scritture in cui Dio appare nella collera, irato, sdegnato fino a punire con la rovina, la morte e l’annientamento chi contraddice la sua volontà e la sua legge, e non pochi sono i passi in cui Dio stesso, il nostro Dio, ordina l’uccisione, lo sterminio di uomini…
di Enzo Bianchi,
avvenire.it,
20/11/13

Curare gli occhi per parlare al cuore
Francesco Saverio e il daimyo di Yamaguchi
Quando Francesco Saverio, con altri due gesuiti, arrivò in Giappone, si presentò a uno dei più potenti signori delle nuove terre d’oriente: Ōuchi Yoshitaka, il daimyo di Yamaguchi. L’incontro fu però un totale insuccesso: la povertà dei vestiti dei missionari e l’insistita lettura di passi biblici non suscitarono le simpatie del loro interlocutore abituato a ben altre cerimonie. Difatti poco dopo Saverio dovette ripartire da Yamaguchi perché gli venne negato il permesso di predicare in quella provincia. Si diresse dunque a Kyoto dove anche qui non ebbe molta fortuna. Non solo l’imperatore si rifiutò di riceverlo, ma suscitò perfino lo scherno della popolazione, la quale si fece beffe di quell’uomo vestito in quel modo così dimesso. Se Saverio attirava l’attenzione, non era certamente perché suscitasse ammirazione. Tutto il contrario. Ma non furono questi primi ostacoli a scoraggiarlo. Era intenzionato ad avvicinare i grandi signori del Giappone, i quali gestivano il potere locale e potevano decidere le sorti della fede cristiana, e non si sarebbe fermato prima di portare a termine questa sua missione.
di Cristian Martini Grimaldi,
osservatoreromano.va,
16/11/13

Fratelli, sapete in che modo dovete prenderci a modello: noi infatti non siamo rimasti oziosi in mezzo a voi, né abbiamo mangiato gratuitamente il pane di alcuno, ma abbiamo lavorato duramente, notte e giorno, per non essere di peso ad alcuno di voi.
Non che non ne avessimo diritto, ma per darci a voi come modello da imitare. E infatti quando eravamo presso di voi, vi abbiamo sempre dato questa regola: chi non vuole lavorare, neppure mangi.
Sentiamo infatti che alcuni fra voi vivono una vita disordinata, senza fare nulla e sempre in agitazione. A questi tali, esortandoli nel Signore Gesù Cristo, ordiniamo di guadagnarsi il pane lavorando con tranquillità (2 Ts 3, 7 – 12).

MelaBit

Apple programmazione tecnologia e morsi di vita vissuta

BABAJI

Just another WordPress.com site

LePassepartout

"Scientia est Potentia"

ME&MYBOOKS

Ilaria's blog

21 Grammi

...So many roads, so much at stake So many dead ends, I'm at the edge of the lake...

theArtShell

photo lover & art addicted

Le parole e le cose

Letteratura e realtà

Multifinder

Notizie dal mondo reale

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

SnackAdventure

La terza età vista dal basso

CIOCCOLATO&LIBRI

Libri, interviste e altre cose senza senso

Arditi Sentieri

Vivi come se tu dovessi morire subito, pensa come se tu non dovessi morire mai.

Nel Mio Cuore

E' stolto il cuore che non capisce il suo sbaglio, in pianto cerca tra le stelle fiori appassiti. Rabindranath Tagore

alessandrapeluso

A great WordPress.com site

Sartago Loquendi

«Fritto misto» di parole, pensieri, poesie

telefilmallnews

non solo le solite serie tv

la Ciarla

a cura di Giovanni Pistolato

The Eternal Sunshine of an Endless Mind

Esprimi il tuo pensiero in modo conciso perché sia letto, in modo chiaro perché sia capito, in modo pittoresco perché sia ricordato e, soprattutto, in modo esatto perché i lettori siano guidati dalla sua luce. (J. Pulitzer)

ASSOCIAZIONE FORENSE NAZIONALE A.M.B.

In difesa dell'Avvocatura medio-bassa

L'amore è la distanza di dieci giorni

Il blog di Tommaso Occhiogrosso

Rituali Marina Minet

Attraversandomi

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

SONNY: DIARIO GIGOLO'

SE CI STAI PENSANDO, HAI GIA' DECISO!

L'autore spocchioso

Chi non salta un lettore è, è.. chi non salta un editore è, è..

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Autoscatto Televisivo

Recensioni televisive in autoscatto

Il tempo di un bidè

L'intelligenza è una categoria morale.

Associazione LiberoLibro

Associazione letteraria e culturale

Poiesis

And as imagination bodies forth The forms of things unknown, the poet’s pen Turns them to shapes and gives to airy nothing A local habitation and a name. – William Shakespeare (A Midsummer Night’s Dream)

YLENIA MOZZILLO

Friggo pensieri, mangio parole, brucio i ricordi peggiori.

Ivano Mingotti

Pagina ufficiale autore

Vincenzo Dei Leoni

… un tipo strano che scrive … adesso anche in italiano, ci provo … non lo imparato, scrivo come penso, per ciò scusate per eventuali errori … soltanto per scrivere … togliere il peso … oscurare un foglio, farlo diventare nero … Cosa scrivo??? Ca**ate come questo …

(S)guardo sul Mondo

Diario di emozioni, fotografia e consigli di viaggio di una vagabonda in giro per il mondo. Si accettano offerte a forma di sorriso :-)

Beauty Break

La mia pausa di bellezza

Optical Art

Tributo al movimento artistico Optical Art che si ritrova in uno svariato numero di sottogeneri: Environmental, Installations, Sculpture e molti altri. https://www.facebook.com/opticalartillusion

In mezzo al mondo

but "don't look back in anger", I heard you say... at least not today. | http://www.inmezzoalmondo.wordpress.com

miminmoi

leggimi

Complotti

Festina lente

alexsupertrampdotorg.wordpress.com/

Un sito che parla in verde, che ama viaggiare. Un sito che ama il mondo e rispetta l'ambiente.