Dalla lettera di Paolo al post-moderno
È «Una fede amica dell’uomo» quella che il patriarca di Venezia, monsignor Francesco Moraglia, presenta al pubblico nel libro che Cantagalli manda ora in libreria (pp. 140, euro 8). L’invito a riscoprire la bellezza e la consistenza del cristianesimo, il senso dell’essere discepoli, l’impegno per la città dell’uomo a servizio del bene comune. Si tratta delle meditazioni che l’arcivescovo ha proposto durante l’anno della fede alla sua diocesi e che ora vengono sistematizzate e offerte alla riflessione anche dei non credenti. Tre infatti sono le parti del volume: un «Invito alla fede», l’analisi de «La fede cristiana in un contesto di secolarizzazione diffusa» (in tale ambito è collocato il brano su «Paolo, evangelizzatore a Corinto» che proponiamo in questa pagina) e infine un breve «Invito alla dottrina sociale della Chiesa», con approfondimenti sulla dignità della persona umana e «Sussidiarietà e solidarietà».
di Francesco Moraglia,
avvenire.it,
09/10/13

Annunci