Una sola parola per tante realtà diverse
La conversione al cristianesimo secondo Gustave Bardy
Una sola parola per tante realtà diverse
«L’idea di una conversione, nel senso che adesso diamo a questo termine, è restata a lungo, forse fino all’avvento del cristianesimo, totalmente estranea alla mentalità greco-romana». Questa impegnativa asserzione – che, pur con sfumature che in sede di dibattito storiografico le si possono apportare, rimane sostanzialmente condivisibile – apre il libro di Gustave Bardy, La conversione al cristianesimo nei primi secoli, pubblicato nel 1947 ma ancora oggi ricco di spunti.
di Leonardo Lugaresi,
osservatore romano.va,
01/09/13

Annunci