Roque, Alonso, Juan e la conquistatrice
I martiri del Paraguay canonizzati da Papa Wojtyła nel 1988
Quasi tutte le missioni e riduzioni, nei diversi luoghi in cui si stabilirono definitivamente, divennero tali dopo che i missionari ebbero dato la loro vita come testimonianza della fede cristiana. Ciò si può osservare in tutte le missioni, dall’America settentrionale all’America meridionale. I missionari morirono vittime della loro carità, curando appestati o cercando di aprire la strada del Vangelo, sfidando l’ostilità delle tribù degli indios, le avversità e il rigore della natura selvaggia.
di Fidel González Fernández,
osservatoreromano.va
28 maggio 2013